">Prodotti della pasticceria toscana - Tuscany Addiction

Prodotti della pasticceria toscana

ricciarelli-siena

Le tradizioni gastronomiche toscane comprendono una tipica produzione dolciaria caratterizzata da prodotti semplici e genuini preparati ancora adesso seguendo antiche ricette locali.
La maggior parte dei dolci di questa regione è collegata a ricorrenze particolari, come feste religiose oppure al periodo del carnevale.

Dolci tipici toscani

– Pan Pepato
Conosciuto anche come Pan Forte o Pane Natalizio, questo dolce veniva anticamente confezionato dagli speziali, per esclusivo utilizzo da parte dei nobili e del clero. La sua ricetta prevede l’impiego di bucce di agrumi (cedro e arancia), insieme a una grande varietà di spezie impastate con una miscela di zucchero vanigliato, farina e un tocco di pepe nero.
La presenza di abbondante frutta secca rende il suo sapore inconfondibile e molto intenso.

– Brigidini
Prodotti in provincia di Pistoia, nel paese di Lamporecchio, questi deliziosi biscotti sono costituiti da cialde particolarmente friabili e di grandi dimensioni, realizzate con zucchero, uova, farina ed abbondante essenza liquida di anice.
La loro caratteristica principale deriva dalla cottura attraverso piastre roventi che permette di ottenere delle ostie dalle svariate forme, spesso ripiegate su se stesse, il cui nome deriva dalle monache che li preparavano in onore di Santa Brigida.

– Ricciarelli
I ricciarelli consistono in un tipico dolce senese a base di albume d’uovo zucchero e mandorle, la cui tipica forma a chicco di riso schiacciato ne caratterizza l’aspetto.
Di consistenza morbida e cremosa, questi pasticcini vanno serviti abbondantemente spolverizzati di zucchero a velo, e accompagnati da Vin Santo.
Alcune lavorazioni prevedono la loro ricopertura con cioccolata.

– Cantucci
Probabilmente considerati i biscotti più famosi della regione, i cantucci toscani sono dolcetti a base di farina, zucchero e chiara d’uovo, con abbondante aggiunta di pinoli e mandorle, spesso aromatizzati con essenze agrumate.
La loro consistenza morbida e pastosa e l’abbondante presenza di frutta secca li rende ideali come fine pasto, accompagnandoli con Vin Santo o altri vini dolci e amabili.

Altri prodotti della pasticceria toscana

– Copate senesi
Sicuramente poco conosciuti, questi pasticcini, nati come dolci natalizi, vengono prodotti con croccante pan pepato al miele, anice e noci, inserito tra due ostie che vengono appiattite tra loro fino ad assumere un aspetto di cialda.
Si tratta di uno squisito dessert molto raffinato e costoso, non sempre facilmente reperibile.

– Castagnaccio
Il Castagnaccio è un dolce autunnale che si prepara utilizzando un impasto di farina di castagne miscelata con acqua e olio ed arricchita con frutta secca, uvetta e pinoli, aromatizzato con semi di finocchio e scorze di arancia.
Tagliato a piccoli riquadri, il castagnaccio rappresenta un accompagnamento ideale per formaggi molli come la ricotta oppure frutta di stagione.
L’abbinamento ideale è con il Vin Santo o con altri tipi di vini novelli.

– Bucellato
Anche se gli ingredienti di questo dessert possono variare a seconda della zona di produzione, la ricetta base prevede un impasto di farina, anice e zucchero, con abbondante uva passita, fichi secchi, scorza d’arancia e mandorle.
In alcune ricette è prevista l’aggiunta di gocce di cioccolato, frutta candita e zuccata (strisce di zucca candita).
Il bucellato tradizionale viene di solito rivestito di glassa, che può essere sostituita da zucchero a velo.

– Necci della Garfagnana
Nella zona della Alpi Apuane dove “Neccio” è il vocabolo che indica la castagna, vengono prodotti questi deliziosi dolcetti a base appunto di farina di castagne, e realizzati sotto forma di sottili cialde morbide avvolte su se stesse come i cannoli siciliani, e riempite con ricotta vaccina miscelata a zucchero e canditi.

Nel campo delle prelibatezze dolciarie, la Toscana occupa un posto di rilievo nella preparazione di prodotti di pasticceria, le cui ricette di solito si ricollegano ad antiche tradizioni.

Lascia un commento